Definizioni di mi

sillabe: | pronuncia: /ˈmi/

(1) pronome personale di prima persona singolare
    • in presenza delle forme pronominali atone la, lo, li, le e della particella ne viene sostituito da me : me lo ha raccontato; me la pagherai; me ne ha parlato
    • me, a me; forma complementare atona del pronome personale io, si usa come complurale ogg. e come complurale di termine (in luogo quindi di me, a me) quando non si vuol dare loro particolare rilievo, in posizione sia enclitica sia proclitica: tu mi rimproveri sempre; mi ha scritto ieri; eccomi giunto; vedendomi arrivare; ditemi se è vero
    • si usa nella coniugazione dei verbi pronominali: mi vesto; mi lavo le mani; mi pento; mi ero dimenticato
    • esprime intensa partecipazione affettiva di chi parla all'azione espressa nel discorso (cosiddetto «dativo etico»): che mi dici mai?; stammi bene
    • con valore rafforzativo: i' mi son un che, quando / amor mi spira, noto (dante purg. xxiv, 52-53).
(2) singolare maschile nota musicale, terza della scala diatonica.
(3) singolare maschile o femminile invariabile nome della dodicesima lettera dell'alfabeto greco, corrispondente alla m latina.



Novità: ricerca direttamente dal browser > installa l' estensione per Chrome