Definizioni di quanto

sillabe: quàn|to | pronuncia: /ˈkwanto/

(1) aggettivo interr. quale misura di, che numero di, che quantità di: quante persone sono intervenute?; quanto denaro hai speso?; quanti libri hai?; non so quanto tempo ci vorrà; gli domandai quanti anni avesse | in espressioni ellittiche, riferito a tempo: quanto dovrai lavorare ancora?; quanto è che non lo vedi?; fra quanto sarà pronto?; quanto ci corre fra te e lui?, quanti anni di differenza ci sono? | riferito a spazio: quanto c'è da qui a casa tua?, quanta strada | riferito a costo, prezzo: a quanto li vende?; quanto costa?; quanto chiede? | in altri usi: quanti ne abbiamo oggi?, che giorno è? | quante me ne ha dette!, quanti rimproveri; quante me ne ha combinate!, quanti guai | aggettivo escl. si usa per sottolineare enfaticamente la quantità di qualcosa: quanti giorni sono passati! ' con ellissi del verbo: quanto tempo sprecato!; quante parole inutili! ' con ellissi del sostantivo: quanto ci sarebbe da dire sul suo conto! | aggettivo relativo
    • (tutto) quello che, (tutti) quelli che: lo puoi tenere quanto tempo vuoi; prendi pure quanto denaro ti occorre
    • in correlazione con tanto : c'erano tanti posti quanti erano gli invitati; possiede tanto denaro quanto non si può credere; ho tante preoccupazioni quante non immagini ' come rafforzativo di tutto : partirono tutti quanti; ha perso tutto quanto; si è sporcato tutto quanto pronome interr. ha gli stessi usi e sign. dell'aggettivo corrispondente: quanto ne vuoi?; quanti ne hai presi?; quanti hanno accettato?; non so quanti aderiranno alla tua proposta; quanti di voi sono d'accordo?
    • pronome escl. ha gli stessi usi e sign. dell'aggettivo corrispondente: quanto ne hai preso!; che bei libri e quanti!; quanti sono intervenuti!
    • pronome relativo
(2) avverbio
    • in espressioni ellittiche: è assai scaltro, non ti posso dire quanto; si è pentito e dio sa quanto
    • interr. in che misura, in che quantità: quanto sei alto?; quanto bevi di solito?; gli chiesi quanto si fosse divertito; non so quanto l'abbia apprezzato
    • ellitticamente: ho pianto, e quanto!
    • con valore esclamativo: quanto sono contento di rivederti!; quanto mi piace!; chissà quanto lo desiderava!
    • con analoga funzione, come rafforzativo del superlativo relativo: quanto più velocemente, il più velocemente possibile
    • quanto prima, il più presto possibile; quanto meno (o quantomeno), al minimo, almeno
    • nella misura, nella quantità in cui: ti aiuterò quanto sarà necessario; ha resistito quanto ha potuto; impegnarsi quanto basta
    • contratto con cui un artista dello spettacolo (attore, cantante, musicista etc.) viene ingaggiato da un impresario teatrale, televisivo, cinematografico etc.: offrire, ottenere una scrittura
    • quanto mai, si usa ellitticamente per 'tanto quanto mai': ho riso quanto mai, moltissimo; anche come rafforzativo di aggettivo: una persona quanto mai colta, assai colta
    • in correlazione con tanto : quanto più cara diventa la produzione, tanto minore è il guadagno; quanto più si studia, tanto più ci si accorge di non sapere; (quanto) più lo conosco, (tanto) meno mi piace ' nei comparativo di uguaglianza o in proposizioni comparativo: è tanto studioso quanto intelligente; non è tanto sciocco quanto tu immagini; è buono quanto te ' nei paragoni enfatici, per affermare la veridicità di ciò che si dice: quant'è vero dio; quant'è vero che mi chiamo, che sono...
    • da quanto, per quanto, (familiare) tanto: non ci si può discutere, da quanto è nervoso.
    • per quanto, nonostante che (con valore concessivo): per quanto indaffarato tu sia; per quanto egli camminasse velocemente, non lo raggiunse
    • tanto quanto, tanto o quanto, pressappoco, più o meno: «credo che sia costato poche migliaia di lire» «sì, tanto quanto»
    • in locuzioni particolari: in quanto (che), per il fatto che, perché (con valore causale): non sono venuto prima in quanto (che) pensavo tu non fossi in casa
    • in quanto, in qualità di: in quanto medico
    • per quanto, (assolutamente) tuttavia: per quanto, si tratta pur sempre di un affare
(3) singolare maschile invariabile
    • (solo singolare) quantità, entità (specialmente di denaro o di altri beni): fissare un quanto
    • (fisica) valore minimo, definito e indivisibile, di una grandezza fisica che può variare soltanto per multipli di tale valore: quanto di energia, di carica; teoria dei quanti.



Novità: ricerca direttamente dal browser > installa l' estensione per Chrome