Definizioni di ridere

sillabe: rì|de|re | pronuncia: /ˈridere/

verbo intransitivo [passato remoto io risi, tu ridésti etc.; participio passato riso; ausiliario avere]
    • proverbio : chi ride il venerdì, piange la domenica; ride bene chi ride ultimo
    • far ridere i polli, (figurato) essere ridicolo o sciocco, inutile, di nessun effetto: discorsi da far ridere i polli; le tue intimidazioni fan solo ridere i polli!
    • ridere per non piangere, si dice di chi reagisce con spirito alle avversità
    • tutto da ridere, ridicolo, buffo
    • esprimere giocondità, letizia, allegria con particolari variazioni della mimica facciale e l'emissione dalla gola di un suono caratteristico; esprimere con analoghe manifestazioni altri sentimenti, come ironia, scherno, compatimento e simile: ridere sommessamente, sguaiatamente; scoppiare a ridere; ridere di cuore, da matti, a crepapelle, ridere forte, senza ritegno; ridere a fior di labbra, leggermente; ridere a denti stretti, forzatamente, nascondendo solo in parte la propria contrarietà ridere sotto sotto, sotto i baffi, quasi di nascosto, spesso per compiacimento o con benevola malizia; ridere in faccia a qualcuno, apertamente e a suo dispetto
    • si fa per ridere, per scherzare
    • che c'è da ridere?, di tanto ridicolo o buffo; c'è poco, non c'è niente da ridere, detto bruscamente a chi scherza a sproposito su cose o fatti seri, gravi
    • ridere di qualcuno (o alle spalle di qualcuno), deriderlo, canzonarlo
    • ridi, ridi, detto con tono di rimprovero o di minaccia a chi ride a sproposito o con malizia
    • ridendo e scherzando, (figurato) tra una cosa e l'altra: ridendo e scherzando s'è fatto tardi
    • ma non farmi ridere!, intimazione rivolta a chi ci irrita per quello che dice o per come si comporta
    • ridere di qualcosa, farsene beffe: ridere di una disavventura altrui
    • (letteralmente) mostrare viva bellezza, apparire luminoso (detto specialmente di aspetti della natura): quale ne' plenilunii sereni / trivia ride tra le ninfe etterne / che dipingon lo ciel per tutti i seni (dante par. xxiii, 25-27)
    • (figurato) luccicare, risplendere, brillare: le ridono gli occhi
    • verbo transitivo (termine antico) accogliere con risa: la novella di panfilo fu in parte risa e tutta commendata dalle donne (boccaccio dec. i, 2)
    • ridersi verbo riflessivo non curarsi, non preoccuparsi minimamente di qualcosa; beffarsi, burlarsi di qualcuno: mi rido di lui e delle sue minacce
    • (letteralmente) arridere, essere propizio: molte volte è da sperar meglio quando la fortuna si mostra molto turbata, che quando ella falsamente ride a qualcuno (boccaccio filocolo)
    • ridersela, non essere afflitto da preoccupazione alcuna: se la ride di tutte le insinuazioni sul suo conto sostantivo maschile l'atto di ridere: morire, crepare dal ridersi.
    • irridere, schernire

Termini della lingua italiana collegati: arridere, ghignare, ridacchiare, ... consulta tutti i sinonimi di ridere.


Novità: ricerca direttamente dal browser > installa l' estensione per Chrome