Definizioni di transfert

sillabe: tràn|sfert | pronuncia: /ˈtransfert/

singolare maschile invariabile
    • in particolare, nella relazione psicoanalitica, la proiezione sull'analista delle pulsioni, positive o negative, che il paziente provava in precedenza per altri
    • (psicoanalisi) processo per cui un desiderio o un conflitto inconscio viene trasferito su una persona diversa da quella cui è originariamente legato; traslazione
    • in psicopedagogia, l'effetto prodotto da un compito d'apprendimento su un altro compito d'apprendimento: transfert positivo, negativo, a seconda che l'effetto sia facilitante o inibente.



Novità: ricerca direttamente dal browser > installa l' estensione per Chrome